Home » appunti » 117/2024 |APPUNTI DEL GIORNO|

117/2024 |APPUNTI DEL GIORNO|

Consumi: timidi segnali – A maggio 2024, rispetto al mese precedente, le vendite al dettaglio registrano un aumento sia in valore sia in volume determinato dalle vendite dei beni alimentari. Lo comunica l’Istat. A livello tendenziale si registra una variazione positiva in valore, sempre per effetto delle vendite del comparto alimentare, mentre il volume è in calo in entrambi i settori merceologici. Tra le forme distributive sono in crescita le vendite della grande distribuzione e delle imprese operanti su piccole superfici, mentre si registra un calo per quelle al di fuori dei negozi e online. Per quanto riguarda i beni non alimentari, si registrano variazioni tendenziali eterogenee tra i gruppi di prodotti. L’aumento maggiore riguarda foto-ottica e pellicole, supporti magnetici, strumenti musicali (+3,4%) e prodotti di profumeria/cura della persona (+3,2%), mentre il settore orafo orologiero registra un + 0,3 %.“Solo nei prossimi mesi si potrà verificare se questi timidi segnali favorevoli preludono ad una fase meno asfittica della domanda, guidata dal recupero del reddito disponibile i cui primi segnali si sono avvertiti nelprimi mesi del 2024, consentendo alla nostra economia di raggiungere una crescita prossima all’1%. Tutto dipenderà dalla tenuta dell’occupazione, dall’ulteriore compressione della dinamica dei prezzi e dalla stagione turistica, soprattutto per la componente straniera”. Lo scrive l’Ufficio Studi di Confcommercio in una nota.

Stretta UE in tema di riciclaggio – Obbligo di adeguata verifica estesa a chi tratta “beni di valore elevato”, quali articoli di gioielleria, di oreficeria o di orologeria dai 10mila euro in su. Limite anche all’uso del contante, “le persone che commerciano beni o forniscono servizi possono accettare o effettuare un pagamento in contanti fino a un importo di 10.000 euro, indipendentemente dal fatto che la transazione sia effettuata con un’operazione unica o con diverse operazioni che appaiono collegate”. Sono alcune delle novità introdotte dal regolamento europeo “relativo alla prevenzione dell’uso del sistema finanziario a fini di riciclaggio o finanziamento del terrorismo” (regolamento UE 2024/1624 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 31 maggio 2024), pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea, serie L, del 19 giugno scorso. Il regolamento – inserito nel cosiddetto “pacchetto Aml” assieme alla VI Direttiva Antiriciclaggio (Direttiva UE 2024/1640 del 31 maggio 2024) e al “regolamento Amla” (regolamento UE 2024/1620) – sarà in vigore da domani 9 luglio e si applicherà a decorrere dal 9 luglio 2027 in quanto direttamente applicabile in ciascun Stato.

I Direttori Confcommercio si confrontano con l’Intelligenza Artificiale – Il recente Master dei Direttori Confcommercio a Parma è stata l’occasione per focalizzare l’attenzione sull’intelligenza artificiale e sulle sue potenzialità. D’altronde, il potenziale dell’AI è tale che la sua diffusione è inarrestabile. Ma attenzione! L’AI non è la rivoluzione, ma rappresenta l’abilitatore tecnologico della prossima grande Rivoluzione, che è ancora agli inizi, ma che è già inarrestabile. Una rivoluzione che va oltre l’intelligenza generativa e che presenta per le aziende, tra i molti altri aspetti, potenzialità sorprendenti che promettono di migliorare la competitività, il processo decisionale, le proposte di valore, la sicurezza, le operazioni e processi. Ma la strada da percorrere per cogliere questo potenziale è ancora lunga. In Italia e nel mondo la maggior parte delle aziende non sa come applicarla nella propria attività produttiva, né ha ancora piani strategici per guidarne l’applicazione. In molti casi, non esiste nemmeno una solida base tecnologica a supporto di un’implementazione agile dell’Ai. Anche navigando nella rete ci si rende conto che in materia di Intelligenza artificiale ci sono più pagine scritte che certezze. Un tema certamente da approfondire in tempi brevi con particolare attenzione alle implicazioni per il dettaglio orafo gioielliero.

Top per tecnici orologiai – Nasce a Milano il Corso ITS di tecnico di orologeria e, grazie ai fondi del Pnrr, è gratuito. Si tratta di un corso biennale che termina con il rilascio del diploma riconosciuto in tutta l’Unione Europea. È questa l’evoluzione dello storico corso di formazione per orologiaio riparatore, percorso promosso e supportato da Assorologi e il Capac, Politecnico del Commercio e del Turismo, sotto le insegne dell’ITS Academy Innovaprofessioni. La scuola di orologeria è attiva da 40 anni e ha complessivamente formato circa 700 orologiai.
Le ultime selezioni si svolgeranno tra l’8 e il 10 luglio per selezionare i migliori 20 allievi che frequenteranno il corso che inizierà dopo l’estate – spiega Gabriele Cartasegna, direttore del Capac e Its Academy Innovaprofessioni -. Basta possedere la maturità e non ci sono particolari vincoli di età perché abbiamo pensato agli adulti che vogliono intraprendere questa attività”.
Due le fasi delle selezioni: prima un colloquio per cogliere le motivazioni che spingono a intraprendere questo percorso professionale poi la prova pratica, tutta incentrata sulla manualità. Le lezioni saranno tenute da docenti, esperti e tecnici messi a disposizione delle quattro aziende, Richemont, Swatch, Rolex e Citizen che supportano il progetto. Per maggiori informazioni e iscrizioni: www.innovaprofessioni.it

117/2024 |APPUNTI DEL GIORNO| Lunedì 8 Luglio 2024 – S. Priscilla

leggi anche

119/2024 |APPUNTI DEL GIORNO|

Avvio in rialzo per l’oro. Stamane la quotazione spot è pari a 70,52 euro al …

Powered by Rodolfo Bartucca