Home » appunti » 85/2024 |APPUNTI DEL GIORNO|

85/2024 |APPUNTI DEL GIORNO|

Leggero rialzo rispetto alla giornata di ieri per l’oro. Il metallo prezioso, stamane in apertura dei mercati, passa di mano a 69,97 euro al grammo pari a 2,354,145 dollari l’oncia.

Oroarezzo in costante crescita – Il mercato del gioiello è attraversato da correnti fredde e insidiose – costo del metallo, inflazione, guerre, alti tassi di interesse, consumi rallentati – ma la temperatura dell’edizione numero 43 di Oroarezzo si è mantenuta alta. La manifestazione ha infatti chiuso ieri i battenti, dopo quattro giorni di confronti e trattative serrate, con un +14% di visitatori esteri provenienti da 109 paesi presenti ad Arezzo Fiere e Congressi e con un +5% di visitazione complessiva sull’edizione dello scorso anno. Italia crescita costante al 4%.
Il dettaglio orafo si interroga – In due provocatori incontri dal titolo “Se le gioiellerie non esistessero più” e “Se la comunicazione è un lusso”, organizzati domenica 12 maggio nell’ambito di Oroarezzo, Federpreziosi Confcommercio ha fatto il punto sullo stato del dettaglio orafo italiano e sulle realistiche prospettive. L’analisi dei dati 2023 dell’Osservatorio  Federpreziosi curato  da Format Research è stata la base di una serie di attente valutazioni su passato e presente del dettaglio orafo italiano nelle sue diverse sfumature – dal punto di vista dei clienti e degli operatori – e, di conseguenza, sul futuro ipotizzabile. Ne è nata la riflessione ‘Se le gioiellerie non esistessero più’. I risultati dell’indagine, illustrati dal presidente di Format Research Pierluigi Ascani, sono stati base di confronto per il presidente di Federpreziosi nazionale Stefano Andreis, la presidente di Federpreziosi Firenze e Arezzo, Elena Spanò e Simone Haddad, vice presidente di Federpreziosi Roma.
Oltre ad un focus sullo stato di salute delle gioiellerie in Italia, la ricerca ha messo in luce come il negozio fisico sia ancora elemento fondamentale di attrattività per il cliente” ha commentato Stefano Andreis. “I numeri raccontano che a fronte di un 15% venduto on-line, l’85% dei gioielli è stato venduto nella gioielleria, un valore in aumento rispetto all’anno precedente. Il 69,5% dei clienti ritiene che i punti vendita siano al passo con i tempi, in grado di trasmettere informazioni approfondite, fornire assistenza completa e consulenza. Insomma, del gioielliere ci si fida. Ritengo che questa sia la leva più importante su cui lavorare con il massimo impegno per far sì che i nostri negozi possano non solo mantenersi attivi, ma scelgano di investire per crescere e innovare. È questa una ricchezza inestimabile – e tutte le indagini sull’atteggiamento consumatori lo confermano – la reale chiave di volta per il nostro futuro di imprenditori
Prendendo spunto proprio da alcuni dati rilevati dall’Osservatorio, l’incontro sul tema della comunicazione, che ha visto protagonisti, oltre ai presidenti Andreis e Spanò, Gloria Belloni dello Studio di Comunicazione EffeErre di Milano e il presidente di Federpreziosi Parma Davide Bolzoni,  ha voluto essere una verifica dello stato dell’arte a compendio dei numerosi talk formativi e informativi su questo tema già organizzati da Federpreziosi in occasione di manifestazione fieristiche del settore e con incontri nelle Associazioni Territoriali. Leggi di più

Tutela d’origine per artigianato e industria – Verso le indicazioni geografiche Dop e Igp anche per i prodotti artigianali e industriali che hanno caratteristiche specifiche, grazie al particolare legame con il territorio di origine ed alla tradizione. Lo prevede lo schema di legge di delegazione europea per l’anno 2024, in dirittura d’arrivo in Consiglio dei ministri. Sarà il Ministero delle imprese e del made in Italy ad assumersi la responsabilità di attuare le disposizioni previste nel regolamento comunitario, tra cui le procedure di registrazione. Una grande opportunità per le nostre produzioni tipiche quali la lavorazione del corallo e l’incisione a cammeo, la lavorazione a filigrana e…chi più ne ha ne metta.

ALEAIl Gioiello delle Terme” – Il progetto è nato da un’idea degli operatori aponensi di Federpreziosi Confcommercio Padova per promuovere la reinterpretazione in chiave moderna di un simbolo radicato nella storia delle terme euganee. Si tratta di un dado che richiama le origini romane di Abano Terme e si lega all’episodio del 9 a.C. che vede il futuro imperatore romano Tiberio rivolgersi all’oracolo di Gerione per conoscere l’esito della guerra che ne avrebbe decretato il titolo di imperatore gettando dei dadi d’oro nella sacra fonte termale. Sabato 25 maggio alle ore 18:00 ad Abano presso la sorgente Montirone, “gli orafi ripercorreranno la storia delle Terme – come ci racconta il  presidente Simone Tasinato –  con figuranti in costume e racconteremo  l’evoluzione di un  progetto che fino ad ora ci ha dato grande soddisfazione. I turisti in particolar modo apprezzano questo legame storico e questo simbolo che, come diciamo noi, augura ‘Fortuna e Benessere sempre con te’”.

Un giovane talento di Torre del Greco trionfa a Ginevra – Il premio del contest per giovani talenti in gioielleria “Donna Jewel X GemGenève”, svoltosi nel corso della recente manifestazione ginevrina, è andato alla diciannovenne Annapia Liguoro, allieva dell’ultimo anno al Liceo Artistico “Francesco Degni” di Torre del Greco. A dare supporto al progetto, Assocoral, presieduta da Vincenzo Aucella.

 85/2024 |APPUNTI DEL GIORNO| Mercoledì 15 Maggio 2024 – S. Torquato

leggi anche

119/2024 |APPUNTI DEL GIORNO|

Avvio in rialzo per l’oro. Stamane la quotazione spot è pari a 70,52 euro al …

Powered by Rodolfo Bartucca