Home » Senza categoria » AFFRONTARE ANSIE E PAURE CONDIVIDENDOLE

AFFRONTARE ANSIE E PAURE CONDIVIDENDOLE

Risale a oltre dieci anni fa un rapporto del Ministero degli Interni sullo stato della percezione della sicurezza in Italia e  già allora emergeva che “le considerazioni circa la sicurezza percepita dai cittadini appaiono critiche… La paura della criminalità influenza molto o abbastanza le abitudini della popolazione nel 46,3% dei casi…”.

All’interno della letteratura scientifica internazionale, soprattutto negli ultimi trent’anni, i ricercatori sono stati concordi nel definire due dimensioni principali nel senso di insicurezza: la paura personale della criminalità(rappresentata dalla sensazione di ansia per l’insicurezza personale) e la preoccupazione sociale per la criminalità. Da entrambe derivano stati d’angoscia capaci di alterare anche gli aspetti più saldamente radicati della personalità e frustrazioni derivanti dalla impossibilità di controllare le situazioni.

Cosa emergerebbe da un’indagine condotta ai giorni nostri?

Al di là di valutazioni e considerazioni socio-culturali a livello di massa, Federpreziosi ha ritenuto importante indagare all’interno del proprio settore supportando la ricerca promossa dal Dipartimento ‘Brain and Behavioral Sciences dell’Università degli Studi di Pavia  sulle gravi ricadute che i rischi della professioni del gioielliere  – una delle categorie più esposte a gravi fattori di rischio come furti e rapine – possono avere sul benessere e sulla soddisfazione lavorativa di chi opera nel comparto, ad ogni livello.

Compila il questionario on line

leggi anche

A NATALE, IL 63% DEGLI ITALIANI SCEGLIE LA GIOIELLERIA PER GLI ACQUISTI PREZIOSI. POI CENTRI COMMERCIALI E ON-LINE. ECCO PERCHÉ.

Seconda tappa del mini-osservatorio su consumi in vista del Natale con focus sui preziosi curato …

Powered by Rodolfo Bartucca