Home » Ufficio Studi » Analisi di settore (pagina 4)

Analisi di settore

ACQUISTI DI OROLOGI: PREFERITE GIOIELLERIE E OROLOGERIE

ASSOROLOGI PRESENTA I DATI 2013: Sono 6,5 milioni gli orologi da polso acquistati dagli italiani nel 2013 per un valore di 1,15 miliardi di euro: lo ha rilevato la nona edizione della indagine annuale sugli acquisti di orologi da polso in Italia effettuata da GfK Retail & Technology per conto di ASSOROLOGI

Leggi tutto

VENDITE 2013: I DATI FEDERPREZIOSI CONFCOMMERCIO

Generalizzati cali anche se  meno pesanti rispetto al previsto  – Nei commenti di carattere generale nuovamente stigmatizzato il ritardo negli interventi normativi e fiscali come elemento di forte rischio per  la sopravvivenza di molte aziende   –   Qualche cenno di cambio di rotta malgrado disagio e preoccupazione Roma, 19 Febbraio 2014 – …

Leggi tutto

DATI DI VENDITA 2013: PER CONOSCERE VALUTARE MONITORARE

COMPILA IL QUESTIONARIO
Gennaio è tradizionale tempo di bilanci e il settore orafo non fa eccezioni. Proprio in questi giorni Federpreziosi ha diffuso un questionario, la cui compilazione richiede pochi minuti, con il dichiarato scopo non solo di individuare in termini statistici gli andamenti delle vendite nel corso del 2013, ma di raccogliere le impressioni sul cambio nello stile dei consumi e sulle aspettative di ripresa degli operatori. Dal settore merceologico alla collocazione geografica, dal comportamento del consumatore alle prospettive future, l’analisi dei dati raccolti permetterà di delineare un’aggiornata fotografia del comparto orafo al dettaglio. L’indagine coinvolge: oreficeria a peso e fine; oreficeria firmata e non firmata; gioielleria firmata e non firmata: argenteria da indosso e oggetti in argento; oggettistica in acciaio, orologeria suddivisa per le varie fasce di gamma. Mai come quest’anno è importante raccogliere, valutare e condividere con grande attenzione i dati vendita. Il questionario è compilabile on line o scaricabile in pdf dallo stesso e  inoltrato via fax al numero 06-44.25.12.29.

Leggi tutto

ANCORA SEGNO NEGATIVO PER IL SETTORE PREOCCUPANTI I DATI DEL RAPPORTO DEL CENTRO EINAUDI

 Nell'industria la crisi del mercato interno è stata pagata soprattutto dalla gioielleria e dal comparto dei mobili  che dal 2005 hanno visto scendere i fatturati del 26%.

 Se i mobili e comparto del legno made in Italy  sui mercati esteri tengono ancora, cala l’appeal dei nostri gioielli che segnano un  -10% in materia di export A scattare una nuova foto del nostro paese e il rapporto del Centro Einaudi, realizzato utilizzando dati dell'Eurobarometro, servizio della Commissione europea. Il Rapporto , giunto alla sua diciottesima edizione, analizza l'evoluzione dei mercati mondiali dal punto di vista degli sviluppi congiunturali, dei settori, delle imprese, delle regole, e la posizione dell'Italia nell'economia globale.

Leggi tutto

CONFCOMMERCIO SU VENDITE AL DETTAGLIO: 
GRAVE LA SITUAZIONE DEI CONSUMI

Gli incrementi di tassazione, come l’aumento dell’aliquota standard dell’Iva, rischiano di incidere negativamente sulla propensione agli acquisti già a partire dalle prossime festività natalizie 23 novembre  – Il peggioramento rilevato a settembre, in linea con le indicazioni che erano già emerse dall’Indicatore dei Consumi di Confcommercio, evidenzia come la fase …

Leggi tutto

INDAGINE EUROPEA SU MEZZI PAGAMENTO ACCETTATI COMMERCIO AL DETTAGLIO

I rivenditori al dettaglio sostengono costi considerevoli per gestire i pagamenti effettuati nei propri punti di vendita. Migliorare l’efficienza dei pagamenti nel mercato comunitario rappresenta un obiettivo delle Autorità europee e gli oneri sui pagamenti con carta sono sempre più frequentemente oggetto di indagine da parte delle Autorità di regolamentazione …

Leggi tutto

CONFCOMMERCIO SU DATI ISTAT: PESSIME PROSPETTIVE NEL BREVE TERMINE

9 aprile – La riduzione del potere d’acquisto delle famiglie registrato nel 2012, non solo è il peggior dato degli ultimi 30 anni, ma ha anche portato a cinque gli anni consecutivi di riduzione del reddito disponibile reale e questo spiega abbondantemente la riduzione rilevata sul versante dei consumi nel …

Leggi tutto
Powered by Rodolfo Bartucca