Home » appunti » n. 134/2022 |APPUNTI DEL GIORNO|

n. 134/2022 |APPUNTI DEL GIORNO|

Oro stabile in avvio di contrattazioni: è scambiato a 1.710 dollari l’oncia pari a 53,70 al g., in rialzo dello 0,05%

Nel tempo sospeso – Questa settimana è iniziata senza che si siano registrati progressi sostanziali sul fronte della crisi di governo, nessuna novità ha finora cambiato il quadro politico che giovedì ha portato alle dimissioni, respinte dal Quirinale, del presidente del Consiglio Mario Draghi. Mancano poco più di 24 ore al momento in cui il premier farà le sue comunicazioni al Parlamento. Saranno comunicazioni con dibattito fiduciario, quindi con votazione con la chiama nominale dei parlamentari. È quanto chiarisce la conferenza dei capigruppo di Montecitorio, che tornerà a riunirsi oggi alle 16,30 per definire l’orario in cui si aprirà la seduta. La prassi prevede che si cominci dal Senato e quindi il premier consegni a Montecitorio il testo del suo intervento, per poi aprire il dibattito su cui si voterà. Sono ore frenetiche, ore di appelli che stanno arrivando dal Paese reale, dalla società civile a partire dai 1300 sindaci, dal mondo imprenditoriale ma anche dalle cancellerie di mezzo mondo. Non resta che attendere, cogliendo i segnali che intanto giungeranno in questo tempo sospeso, l’ennesimo, della politica italiana.

Fascinoso, intrigante e ancora un poco misterioso: il metaverso – Tra le aziende che si stanno “agitando” per poter entrare nel metaverso vi sono produttori di orologi e gioielli. Da Bulgari al gruppo Richmond, a Cartier. L’ancora misterioso ed intrigante mondo virtuale che permette alle persone di interagire tramite avatar sta attirando sempre più l’attenzione da parte di grandi e piccole aziende. La posta in gioco sembra essere molto alta, stando alle cifre stimate dagli esperti. Citigroup, ad esempio, prevede che l’economia che ruota intorno al metaverso potrebbe valere tra gli 8.000 e i 13.000 miliardi di dollari entro il 2030 con recenti previsioni al rialzo da parte degli esperti, visto il crescente interesse. Vari marchi dell’orologeria e della gioielleria stanno aumentando gli investimenti. Tuttavia, Thomas Chauvet, responsabile della ricerca azionaria sui beni di lusso di Citigroup, sostiene che i vari player del settore stanno seguendo lo stesso processo dell’e-commerce, al quale all’inizio si erano mostrati indifferenti. Quindi, in realtà non sono ancora pronti ad esplorarne tutte le opportunità commerciali, ma “si concentreranno su di esso come strumento di comunicazione o opportunità di autenticazione”, afferma l’esperto. Nel frattempo, il metaverso è ormai sempre più di moda tra le … case di moda: i nostri cugini di primo grado. Ultima in ordine di tempo – per ora – Burberry, celebre firma londinese del lusso, che ha ceduto alla tentazione ed ha lanciato la sua prima collezione di borse virtuali per il metaverso di Roblox. Si tratta, ve lo raccontiamo per mera curiosità, di una collezione di 5 borse virtuali che saranno disponibili una alla volta per 24 ore al prezzo di 800 Robux, la moneta di Roblox, che equivale a 9,99 euro. Il lancio di ogni borsa sarà accompagnato da una propria “emote”, un’azione unica che gli avatar possono eseguire, come la levitazione o la danza. Per quanto tempo ancora continueremo a rimanere affacciati alla finestra?

Da bruco a farfalla: la metamorfosi del consumatore – Sovente, guardandoci attorno o semplicemente confrontandoci con gli operatori al dettaglio del comparto, si giunge alla conclusione che è diventato sempre più complesso e a volte complicato soddisfare le richieste di chi sceglie di acquistare un “prezioso”. È come se fosse avvenuto un allargamento di orizzonti, di prospettive: i nostri clienti – e forse anche inconsapevolmente noi stessi – disponiamo di un’offerta più ampia rispetto al passato e l’acquisto non è più legato all’impulso del momento; o, almeno, questa è l’impressione. Si ha la sensazione e stia avvenendo una specie di metamorfosi, dal bruco alla farfalla: il consumatore-bruco esprimeva un desiderio di possesso, di “indossare gli oggetti” in una logica ostentativa, della costruzione del suo “abito teatrale”, con un comportamento d’acquisto molto impulsivo, dettato da continui “sbalzi umorali legati al fattore mode”. Il consumatore-farfalla è uscito dal bozzolo, sente che le proposte-offerte di soddisfacimento dei suoi bisogni sono parziali, arretrate (costruite sulla sua vecchia immagine pre-pandemia), e avverte la necessità di instaurare un rapporto diverso con gli oggetti, molto più “affettivo”, come se fossero uno specchio, un frammento di risposta a un complesso insieme di elementi nel quale convivono esigenze, desideri e sogni. Questo comporta anche una modificazione dei tempi e delle modalità d’acquisto: emerge una maggiore consapevolezza, ponderatezza, una riflessione nella quale convergono, oltre agli aspetti economici, soprattutto gli aspetti di autorealizzazione e di gratificazione alle persone care con le quali si condividono le difficoltà, del momento, grandi o piccole che siano. Sta profondamente cambiando la relazione con gli oggetti, con i “preziosi”: si tratta quindi di focalizzarsi su questo rapporto, su questo scambio che diventa sempre più totalizzante. Si ha l’impressione che non si acquisti per dare una risposta a bisogni più o meno consapevoli, più o meno dettati da modelli culturali e comportamentali sedimentati nelle “abitudini” collettive, bensì in “racconti compiuti, globali”. È come se i nuovi consumatori guardassero un monile “in controluce” per verificare la loro filigrana, quindi la loro autenticità, la loro storia. Semplicemente pensieri, ma è sufficiente guardarsi attorno, confrontarsi con il mercato per avere una sorta di conferma che questo ultimo biennio ha lasciato in tutti noi, volenti o nolenti, delle cicatrici che hanno di fatto accelerato una metamorfosi comportamentale in atto.

n. 134/2022 |APPUNTI DEL GIORNO| Martedì 19 Luglio 2022 — S. Arsenio

leggi anche

n. 151/2022 |APPUNTI DEL GIORNO|

Scenari internazionali – La campagna elettorale agli sgoccioli si fa di fuoco e crescono le …

Powered by Rodolfo Bartucca