Home » appunti » n. 212/2022 |APPUNTI DEL GIORNO|

n. 212/2022 |APPUNTI DEL GIORNO|

Analisi economica di Congiuntura Confcommercio – Da una parte segnali di rallentamento e di possibile inversione del ciclo economico, dall’altra indicazioni confortanti dal mercato del lavoro e dalle aspettative delle famiglie e delle imprese. È il quadro che emerge dalla “Congiuntura Confcommercio” di dicembre (link al documento completo in pdf). Sul fronte dei consumi, l’analisi dell’Ufficio Studi confederale evidenzia che l’elevata inflazione impatta sul potere d’acquisto delle famiglie. E se gli interventi di sostegno del Governo neutralizzano in buona parte, specialmente per le fasce più deboli, la riduzione del valore reale dei redditi correnti, poco o nulla possono sul calo della ricchezza in forma liquida. Di conseguenza, emergono comportamenti di acquisto e consumo più prudenti, soprattutto per quanto riguarda i beni. In lieve ripresa è risultata, a novembre, la fiducia degli operatori del commercio al dettaglio, a segnalare le attese – forse le speranze – di un recupero della domanda in occasione degli acquisti per le festività di fine anno. Non a caso anche a novembre i consumi sono in rallentamento, come emerge dall’ICC Confcommercio: giù dello 0,7% rispetto allo stesso mese del 2021. Male, in particolare, alimentari, mobili, elettrodomestici, automotive e abbigliamento. Date queste dinamiche, l’Ufficio Studi stima per dicembre una riduzione del Pil dello 0,7% congiunturale e una crescita dello 0,2% su base annua. Per quanto riguarda infine l’inflazione, dicembre non dovrebbe portare l’attesa inversione di tendenza, con un incremento mensile dello 0,6% e annuo dello 12%. Per l’attesa svolta bisognerà aspettare la tarda primavera del prossimo anno, con conseguenze negative sulle prospettive di crescita per il 2023.

Gli orologi svizzeri non intendono segnare il passo – Novembre da record per le esportazioni di orologi svizzeri, che si avviano così a chiudere il 2022 sull’onda di undici mesi in netto progresso. Secondo quanto comunicato dalla Fédération de l’Industrie Horlogère Suisse FH, in novembre l’export di orologi dalla Svizzera è salito del 10,9% annuo attestandosi a 2,41 miliardi di franchi (2,45 miliardi di euro). Il dato segna un’accelerazione rispetto al 6,7% di ottobre (19,9% in settembre) e il tredicesimo mese consecutivo di espansione. Tra i singoli Paesi Usa e Cina rimangono i riferimenti principali per il settore dell’orologeria elvetica con quote di mercato del 16,6% e dell’8,8% rispettivamente (la Cina ha registrato però un crollo dell’import dell’11,5% annuo, contro il rimbalzo del 32,9% degli Usa).Bene nel complesso i maggiori mercati europei, con Regno Unito, Germania, Francia, Italia chiaramente in positivo negli undici mesi e con la sola Francia in lieve flessione in novembre.

Scegliere Amazon come partner. Ne parleremo a VicenzaOro – Agenzia ICE e Amazon hanno rinnovato l’intesa volta a digitalizzare e a far crescere le piccole e medie imprese italiane non solo sul territorio nazionale ma anche nel Regno Unito, Francia, Germania, Spagna, Polonia, Svezia, Olanda, Stati Uniti, Giappone ed Emirati Arabi Uniti. Dal 2019 ad oggi l’accordo ha coinvolto circa 2.200 aziende italiane. È prevista la realizzazione di un piano di promozione e sviluppo per le aziende con prodotti all’interno della vetrina di Amazon dedicata esclusivamente al Made in Italy, nonché un piano di formazione per la vendita online e attività di marketing che promuovano i prodotti e accrescono le vendite all’estero. Nel complesso, ad oggi la vetrina comprende oltre 1 milione di prodotti e conta 4.500 aziende italiane che esportano al di fuori dei confini nazionali.

Sembra ma non è – Il monitoraggio costante delle piattaforme web e del commercio fisico nei negozi ha portato al sequestro di oltre nove milioni di prodotti contraffatti. Si è conclusa nei giorni scorsi a Roma, la quarta operazione internazionale Afrodite della Guardia di Finanza che ha come scopo quello di contrastare la vendita di prodotti contraffatti su piattaforme digitali e social network. Individuati e rimossi in tutta Europa, nel corso dell’iniziativa, 133 account di social media e messaggistica istantanea e 4.419 siti web che vendevano e pubblicizzavano prodotti contraffatti e servizi illegali, nonché sequestrate 9,5 milioni di merci illegali e contraffatte, tra cui accessori personali, gioielli, orologi.

n. 212/2022 |APPUNTI DEL GIORNO| Mercoledì 21 Dicembre 2022 — S. Pietro Canisio

leggi anche

n. 210/2022 |APPUNTI DEL GIORNO|

Prezzo dell’oro poco mosso questa mattina sui mercati delle materie prime: il metallo prezioso con …

Powered by Rodolfo Bartucca