Home » Partner » Convenzioni » PALERMO – AGEVOLAZIONI PER LA VIDEOSORVEGLIANZA

PALERMO – AGEVOLAZIONI PER LA VIDEOSORVEGLIANZA

Sottoscritto un protocollo di collaborazione tra Confcommercio Palermo, Prefettura e forze dell’ordine. Si potrà  ottenere un finanziamento fino a 2mila euro per l’installazione del sistema.

22 ottobre – Agevolazioni economiche per i commercianti palermitani che vogliono acquistare un sistema di  videosorveglianza per il proprio negozio. E’ quanto prevede il protocollo di collaborazione sottoscritto il 22 ottobre scorso tra Confcommercio, Prefettura e forze dell’ordine. A presentare il protocollo, che costituisce un’applicazione a livello provinciale dell’intesa sottoscritta tra il Ministero dell’Interno e Confcommercio Imprese per l’Italia, è stato il prefetto Umberto Postiglione insieme al presidente di Confcommercio Roberto Helg, al questore Nicola Zito, al generale Stefano Screpanti, comandante provinciale della Gdf di Palermo, e al colonnello Piergiorgio Di Giandomenico, vicecomandante provinciale dei Carabinieri. “Purtroppo i reati sono aumentati anche a causa della crisi economica – ha detto Postiglione – e in particolare sono aumentati furti e rapine: il sistema di videosorveglianza può decisamente servire da deterrente”.

D’accordo il questore Nicola Zito, che ha presentato numeri e dati: “rispetto ai primi otto mesi del 2011 quest’anno abbiamo registrato un aumento del 10 per cento delle rapine – ha spiegato – ma sono aumentati del 33 per cento gli arresti”. I commercianti potranno ottenere un finanziamento economico fino
a 2mila euro per l’installazione del sistema di videosorveglianza “e la Camera di commercio – ha detto Helg – darà un ulteriore apporto del 50 per cento”. La Regione ha nel bilancio circa 500.000 euro che potranno essere utilizzati proprio a questo scopo.

Nello specifico quali sono i contributi e chi interessano:

I contributi sostanzialmente interessano tre categorie: chi ha un sistema di allarme antirapina, ma non collegato con le forze dell`ordine, chi ha un sistema di allarme antirapina collegato con le forze dell`ordine ma ormai obsoleto e chi non ha un sistema di allarme antirapina.

Chi ha già un sistema di allarme non collegato o chi lo ha obsoleto può usufruire del contributo della Camera di Commercio di Palermo e acquistare solo l`unità centrale nuova mantenendo le telecamere esistenti. L`unità centrale si chiama NVR. Il contributo della Camera è del 50% del costo dell`NVR sino ad un massimo di € 1.000,00.

Chi non ha un sistema di video allarme antirapina (non ha telecamere né unità centrale) può usufruire del fondo regionale che prevede un contributo del 50% sino ad un massimo di € 2.000,00 per unità locale, per l`acquisto di un sistema di video allarme anti rapina collegato con le forze dell` ordine e relativa installazione.

«Va precisato – aggiunge Roberto Helg – che il sistema è collegato con le centrali h 24 ma essendo una video vigilanza ANTIRAPINA è necessario che venga attivata attraverso un bottone o telecomando. Una volta attivato, le forze dell`ordine hanno accesso immediato alle immagini che riprendono i luoghi dove sono ubicate le telecamere e questo sistema consente, data la diretta acquisizione delle immagini da parte delle forze dell`ordine, di evitare che il commerciante debba recarsi a fare il riconoscimento del malfattore».

Per avere maggiori dettagli sul sistema e per conoscere le modalità di accesso ai finanziamenti, si può chiamare in Promopalermo  al numero 091 324023.

leggi anche

SICUREZZA E COMMERCIO “2.0”: ROMA CAPITALE E FEDERPREZIOSI CONFCOMMERCIO ROMA INSIEME PER TUTELA URBANA E BUSINESS ONLINE

Sgravi fiscali per la videosorveglianza e market place virtuali per l’oreficeria “made in Rome” Roma, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Powered by Rodolfo Bartucca