Home » comunicati » Roberto Duranti confermato alla guida degli orafi toscani

Roberto Duranti confermato alla guida degli orafi toscani

Roberto Duranti

Strategie comuni sul territorio per promuovere il desiderio del prezioso

– Il presidente degli orafi dettaglianti aretini di Confcommercio Roberto  Duranti, nel corso della riunione regionale svoltasi a Firenze, è stato riconfermato al vertice del coordinamento regionale degli orafi di Confcommercio Toscana. Nel nuovo mandato sarà coadiuvato da Sara Manetti, Presidente degli orafi Fiorentini e da Alberto Cerbai presidente degli orafi di Prato

Un compito impegnativo ha voluto sottolineare Duranti, che già ricopre nella Federazione Nazionale  il ruolo di componente del Consiglio Direttivo, soprattutto per la necessità di coordinare le attività sul vasto territorio toscano finalizzate a rilanciare la cultura del prezioso . infatti, ha affermato Duranti, nel corso della partecipata riunione fiorentina coordinata dal Direttore nazionale Steven Tranquilli, non esistono strategie precostituite, vi sono solo atteggiamenti da seguire.  Bisogna essere ottimisti, ha proseguito, saper valorizzare le proprie competenze, aggredire il mercato e non seguirlo. Il che significa adottare strumenti che seppur non producono risultati nell’immediato offrono al dettagliante  notevoli possibilità di raccogliere concretezza  con il tempo. Non voglio e non desidero  filosofeggiare ma è la quotidianità a che mi offre lo spunto per questa riflessione.

Sara Manetti

Siamo fermamente convinti che occorra individuare, assieme ai colleghi toscani che fanno parte del coordinamento,  programmi, linee di intervento che consentano, a breve, un recupero di competitività non solo per il dettaglio orafo provinciale, ma per l’intera regione. Assieme ai colleghi, continua Duranti, sono convinto che nessuno possegga oggi la bacchetta magica e nessuno è in grado di fare miracoli. E’ indispensabile uscire dall’enfasi di una progettualità solo fine  sé stessa  che rischia di essere soltanto un mero esercizio di dialettica e cercare, su ogni problema, soluzioni che siano vere soluzioni, programmi che abbiano la certezza di una loro esecutività a breve e medio termine.   Per far questo il tavolo del confronto offerto dal coordinamento regionale ci consentirà di  predisporre a breve un programma di lavoro che dovrà essere necessariamente condiviso che punterà, in prima battuta  il dito su formazione e comunicazione.

leggi anche

NON ABBIAMO LA BACCHETTA MAGICA MA CONSAPEVOLEZZA ED ENTUSIASMO

16 Giugno 2017 – “Quello del 26 Giugno prossimo sarà un momento di grande mobilitazione …

Powered by Rodolfo Bartucca