Home » appunti » n. 191/2023 |APPUNTI DEL GIORNO|

n. 191/2023 |APPUNTI DEL GIORNO|

Oro sostanzialmente stabile stamane. La quotazione spot, in apertura dei mercati è pari a 2032,95 dollari l’oncia pari a 60,64 euro al grammo.

Acquisti natalizi: chi, come e perché – Sarà un buon mese di dicembre sul fronte degli acquisti e dei consumi delle famiglie. Lo conferma la ricerca dell’Ufficio Studi di Confcommercio su consumi di Natale e tredicesime. Queste ultime vengono stimate in poco più di 50 miliardi per il 2023 (erano pari a 47,4 miliardi lo scorso anno), che si tramuteranno in media in 1.882 euro di consumi a famiglia (1.598 euro nel 2022), comprensivi delle spese obbligate. Per quanto riguarda invece nello specifico i regali di Natale, la previsione è di una spesa pari a 8 miliardi (contro i 7,1 del 2022), una somma che si traduce in 186 euro a testa. Regali che verranno fatti dal 73,2% degli italiani, pur in presenza di una propensione in calo al 40,1%.
Ma occorre fare attenzione! In realtà, molti potrebbero già averli acquistati, visto che gli acquisti durante la “black week” sono cresciuti del 7% in volume, con la spesa complessiva salita a 4,31 miliardi, prevalentemente online (2,41 miliardi, +9,5%) contro i 4,03 del 2022. Sono stati venti milioni gli italiani ad approfittare delle offerte: “un bel segnale in termini di propensione al consumo perché vuol dire che la fiducia è tonica” afferma Mariano Bella, Direttore del Centro Studi confederale. Per il Presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli: “fiducia rafforzata per i consumi di Natale”. “Crescita dell’occupazione, taglio del cuneo fiscale e contributivo, frenata dell’inflazione rafforzano la fiducia per i consumi di Natale. Anche i minori costi energetici contribuiscono a ridurre l’incertezza per il 2024, che sarà un anno certamente impegnativo soprattutto per la difficile situazione internazionale”.

E le vendite di gioielli? Le previsioni elaborate dall’Osservatorio Federpreziosi Format Research, effettuate su di una numerosità campionaria di 1.440 casi, rilevano non solo che il Natale 2023 sarà ricco di atmosfera, regali e voglia di festeggiare – se pure all’insegna del risparmio – stimano che tra gli italianiche hanno manifestato l’intenzione di acquistare regali in occasione del Natale, il 73,2% del campione oggetto dell’indagine, ben il 18,9% sceglierà gioielli, con un significativo aumento rispetto all’11% dello scorso anno.
La maggior propensione agli “acquisti preziosi” è accentuata nel Nord Est (19,9%) e nelle regioni centrali del Paese (20,2%).

“Un dato decisamente interessante, quello relativo al gioiello, afferma Stefano Andreis, Presidente Federpreziosi Confcommercio che compare in una classifica ove a primeggiare per il 72,7% sono i prodotti enogastronomici, gli immancabili giocattoli (50%), gioia e delizia dei nostri bimbi, e i prodotti per la cura della persona a pari merito con i capi di abbigliamento (49,5%). Ed è soprattutto confortante che il nostro contesto sia il secondo con il maggiore incremento (7,9%) per quanto concerne la propensione al regalo rispetto alle altre categorie. La prima, quella dei prodotti per la cura alla persona, è di poco (solo lo 0,7%) sopra a noi ed è un settore che ha sempre primeggiato negli anni”.

L’indagine rileva che gli acquisti di preziosi effettuati presso il centro commerciale e il punto vendita tradizionale si equiparano (42% su 41%). Il 29% degli internauti acquisterà sul web utilizzando un sito generico e solo il 16% la vetrina virtuale di una gioielleria. Sempre sulla rete, il 33% sceglierà e perfezionerà l’acquisto del monile da donare nel negozio on line di marchi noti.

In questi giorni sono molte le campagne che le Associazioni territoriali di Federpreziosi stanno attivando attraverso i social media e utilizzando anche altri canali a partire dalle vetrine delle gioiellerie, per segnalare quanto e come il gioiello sia sinonimo di Natale, sicuramente anche grazie al fatto di avere compreso quanto un coro di voci sia più udibile di un solista. Ebbene, se il consiglio di un amico o di un conoscente prevale sulle scelte di acquisto per il 29%, la pubblicità del prodotto attraverso più attuali canali di comunicazione orienta eventuali decisioni per il 17%.
Competenza e professionalità del gioielliere che si esprimono attraverso i consigli “in diretta” alla propria clientela contano per il 12%.

“Fiducia batte incertezza, è la convinzione del Presidente Andreis, e se come categoria riusciremo a comunicare all’unisono il concept che ‘vendiamo emozioni’ i gioielli sicuramente entreranno a pieno titolo tra i doni che fanno stare bene le persone! Posso affermare che per noi si tratta di una grande opportunità. Certo, se sapremo gestirla bene…”.

Clicca qui per visionare l’estratto del Rapporto di ricerca dell’Osservatorio Federpreziosi Natale 2023

n. 191/2023 |APPUNTI DEL GIORNO| Giovedì 7 Dicembre 2023 – S. Ambrogio

leggi anche

n. 37/2024 |APPUNTI DEL GIORNO|

Anche stamane, l’oro, prosegue la sua navigazione in acque tranquille. In apertura dei mercati la …

Powered by Rodolfo Bartucca