Home » Notizie » L’INNOVAZIONE NEL RETAIL COME GOVERNARE IL CAMBIAMENTO E TRARNE VANTAGGIO

L’INNOVAZIONE NEL RETAIL COME GOVERNARE IL CAMBIAMENTO E TRARNE VANTAGGIO

Domenica 9 settembre presso la Sala Trissino di Fiera di Vicenza


| IL PROGRAMMA DEI WORKSHOP |

INNOVARE PER COMUNICARE ON LINE:
“Le opportunità della rete per le imprese e per le loro associazioni”

di Massimo Cicala e Rodolfo Bartucca
Ore 10.30 – 11.00


IL GIOIELLIERE, TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE
“Una riflessione sulla distribuzione e i nostri clienti”

di Daniela Saibene
Ore 11.00 – 11.30


CONOSCERE IL MERCATO PER COSTRUIRE NUOVE OFFERTE E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE DEL PUNTO VENDITA
di Leonardo Cilia
Ore 11.30 – 12.10


ESSERE PROMOTORI DI UN RINASCIMENTO ORAFO:
DEFINIRE LE ESIGENZE FORMATIVE PER PADRONEGGIARE L’INNOVAZIONE

di Piero De Stefano
Ore 12.10 – 12.45


DAI LA LUCE GIUSTA AL TUO NEGOZIO
“Può l’illuminazione essere uno strumento per innovare il punto vendita?”

di Luca Fiaccadori
Ore 12.45 – 13.30



di Steven Tranquilli Direttore Federpreziosi

Nel corso dei recenti interventi sul territorio organizzati da Federdettaglianti prima e ora da Federpreziosi è oramai consuetudine partire da una sottile provocazione: è giusto parlare solo di crisi del mercato o siamo in presenza anche di una crisi di idee e di coraggio?
Marcel Proust affermava che “il vero atto della scoperta non consiste nel trovare nuove terre, ma nel guardare con occhi diversi.”
Tra i commenti ricevuti a margine delle ricerche sull’andamento del mercato svolte dalla Federazione emerge che una parte degli operatori punta il dito contro l’eccessiva despecializzazione dei punti vendita, convinta che un ritorno a uno stile basato sulla capacità di suscitare emozioni possa contribuire a risvegliare l’interesse verso la gioielleria. Altri  ritengono che l’incertezza da parte del cliente sia temporanea, dato che, nei primi due quadrimestri del 2011, le vendite si sono mantenute stazionarie.
Inevitabilmente per rispondere ai cambiamenti di richieste dei consumatori e alle sempre più spinte dinamiche di mercato e di concorrenza, i punti vendita che intendono essere competitivi sono chiamati ad introdurre delle innovazioni capaci di dare “più valore” ai  clienti.
Esempi di punti vendita orafi ad alta produzione di valore sono presenti in giro per il mondo; ma i punti vendita italiani sono in grado di fare subito il “salto”?
A giudizio dei relatori di questo ciclo di workshop, l’autoanalisi e  la progettualità rappresentano la miglior risposta alla contrazione delle vendite e la strada più veloce per recuperare quote di mercato.
Non c’è infatti vera imprenditorialità senza la capacità di conoscere le potenzialità della propria impresa e del mercato che lo circonda. Questo lo si capisce, ad esempio, andando all’origine di ogni impresa, dove è possibile rintracciare questa capacità espressa nel tentativo di creare una risposta concreta ai bisogni del mercato.
Avviare periodicamente un processo di monitoraggio significa relazionarsi alle politiche di servizio, ma anche di posizionamento, di strategia distributiva, di marketing, di comunicazione,  di relazione con il cliente sviluppate dalla propria impresa. Le aspettative dei consumatori mutano anche in relazione agli stimoli che ricevono da altri attori del mercato in cui operiamo e dal nostro stesso modo di comunicare, di saper sfruttare le innumerevoli opportunità che la tecnologia ci offre.
Così, in un momento di difficoltà, sottoporre ad un “tagliando” la propria impresa significa saper cogliere le tante sollecitazioni – spesso poco impegnative e soprattutto a basso costo–che giungono dall’esterno o dall’interno dell’impresa stessa per rispondervi in modo nuovo. Se non addirittura anticipare gli scenari futuri per cominciare a preparare oggi le risposte ai bisogni di un domani che tutti desideriamo essere più stimolante e frizzante come è giusto che sia per un prodotto ricco di valori e denso di emozioni.
Si tratta quindi di una sfida che riguarda tutta l’azienda e tutte le persone che vi lavorano: dall’imprenditore a ogni singolo collaboratore.
Ed è una sfida affascinante perché permette di guardare in modo nuovo, conoscere più a fondo la propria azienda, il contesto economico in cui opera ed il proprio lavoro.
“Ogni tanto lasciate il sentiero battuto e inoltratevi nella boscaglia. Potete stare certi che tutte le volte che lo farete troverete qualcosa che prima non avevate mai visto” e con questa affermazione di Alexander Graham Bell vi invitiamo a non mancare a questo appuntamento che vuole introdurre un percorso che vedrà altre tappe sul territorio nazionale poiché l’innovazione è parte integrante dell’attività e come tale deve essere gestita al fine di proteggere le risorse tangibili ed intangibili dell’impresa dall’erosione del mercato.

leggi anche

CAMBIARE: CHI, COSA, COME. INCONTRI CON ESPERTI DEL DIGITAL RETAIL

VICENZAORO – 20 e 21 gennaio 2019 – Hall 6 – VO Square a cura di IEG-Italian …

Powered by Rodolfo Bartucca